Amadori: il pollo su Facebook, Amadori Peopoll!

Un altro esempio molto calzante e centrato rispetto al tema che in questi ultimi post  (Kotex e Uniqlo) ho trattato, è  quello offerto da Amadori.

La famosa azienda emiliana ha deciso infatti, nel 2012, di rinnovare la sua immagine, diventata obsoleta e poco apprezzata, e ha iniziato proprio dagli utenti di social network.

Amadori, azienda italiana di oltre 100 anni, voleva migliorare la proposta dei propri prodotti sul mercato, puntando a colpire un pubblico più giovane. Utilizzando le opportunità offerte dalle analisi svolte attraverso i social network, hanno ascoltato e imparato a conoscere le preferenze di questo nuovo target di clienti e integrato tali intuizioni nelle loro campagne di marketing digitale.

Come hanno fatto?

peopollSemplice! Hanno creato siti web altamente interattivi, integrati con alcuni social network, in particolare hanno utilizzato la pagina fan di Facebook, “Amadori Peopoll”. Attraverso la finestra di dialogo all’interno di questi siti web e utilizzando sofisticate analisi predittive, Amadori è  stata in grado di monitorare e visualizzare ciò che viene detto sul brand e sui prodotti attraverso i social network, è riuscita a raccogliere informazioni utili sui propri prodotti e su quelli dei competitors come se il web fosse una sorta di “realtime focus group”.

Amadori utilizza queste informazioni per identificare e prevedere le preferenze di acquisto dei consumatori, affinare la campagna di marketing digitale e per sviluppare nuovi prodotti. I risultati è stato davvero ottimale. Tale strategia ha potenziato la loro capacità di monitorare e conoscere il marchio, ha migliorato la loro presenza sui social media del 100% (45k fan di Facebook raggiunti in meno di un anno), ha dato loro la possibilità di costruire canali diretti con nuovi segmenti e rispondere il 40% più velocemente grazie ai nuovi siti web e alla pagina Facebook.

Sandy Carter dedica un intero post all’interno del suo blog, al progetto Amadori, citandolo come esempio in cui grazie alla Social Intelligence e alla creazione di una Exceptional Web Experience, Amadori sia stata in grado di identificare e predire le preferenze dei consumatori, affinare le campagne di marketing digitale, aumentare le vendite e raggiungere nuovi segmenti di mercato.

peopoll 2

Il progetto si è aggiudicato anche il Premio Innovazione ICT Marketing & Sales, consegnato in occasione di SMAU Milano il 19 ottobre. In particolare la giuria ha apprezzato la capacità di far confluire in un unico progetto soluzioni tecnologiche e strategie di marketing volte a migliorare l’interazione e la customer experience lungo tutto il processo di acquisto e attraverso una logica multicanale. Il progetto di Customer Experience Amadori è stato scelto da IBM come “business case internazionale” per illustrare in che modo l’alleanza tra Marketing e ICT possa generare storie di successo che coinvolgono consumatori e prospect in programmi di Engagement & Loyalty utilizzando in modo integrato diversi canali e piattaforme: Web, Social, Offline.

Questo caso offre un esempio di come attraverso Facebook, e gli altri social, sia possibile andare incontro ai bisogni dei consumatori, ascoltare le loro richieste e prendere in considerazione ciò che emerge da questa richiesta.  Il brand ha utilizzato la pagina Facebook in primis, e poi gli altri social implicati in questa strategia, per ottenere una migliore posizione e interazione, offrendo al consumatore un messaggio nuovo e ancora più coerente con il target di riferimento e con ciò che esso richiede dalla relazione con il brand.

Advertisements